Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

LA PEDICULOSI DEL CAPO

Dott. Alfredo Cappello

A cura del
Dott. Alfredo Cappello 

Medico chirurgo, Omeopata e specialista in Pediatria
Direttore della Parafarmacia Partigiani

Lecce 

 

Nella scuola, come in qualsiasi altra comunità infantile, si possono verificare frequentemente casi di pediculosi.
Anche quest’anno sono già diversi i casi di “pediculosi del capo” nelle scuole, ma ciò non deve essere causa di preoccupazione o timore per lo stato dei nostri Istituti Scolastici.
I pidocchi della testa, infatti, possono colpire qualsiasi persona a prescindere dal ceto sociale e dal gruppo etnico di appartenenza. Non sono indice di cattiva pulizia della persona o povertà delle famiglie e, pertanto, il binomio pidocchi-sporcizia è totalmente privo di giustificazione.


Indice
- Parassita e trasmissione
- Identificazione
- Terapia
- Consigli

 

Il parassita e la trasmissione
I pidocchi non hanno ali, di conseguenza non volano; non possono saltare da una persona all’altra e si trasmettono solo per stretto contatto.
Hanno sei robuste zampe provviste di uncini con cui si attaccano tenacemente ai capelli o ai peli che ricoprono il corpo, come pure alle fibre dei tessuti contaminando abiti, biancheria, effetti personali.
Sono lunghi circa mm 1-3 per cui sono facilmente visibile ad occhio nudo.
La femmina è più grande del maschio, vive 3-4 settimane e depone giornalmente una decina di uova (lendini) alla base dei capelli che maturano e si schiudono in 10-14 giorni, alla temperatura ottimale di 32° C. I nuovi nati, chiamati ninfe, raggiungono la maturità in 9-12 giorni.

I pidocchi sono parassiti esclusivi dell’uomo e gli animali domestici non sono fonte di trasmissione.
La lunghezza dei capelli, lavaggi e spazzolature non influenzano il rischio di infezione.
I pidocchi possono sopravvivere nell’ambiente solo per 1-3 giorni. I bambini più colpiti sono quelli dai 3 agli 8 anni, il periodo che va dalla materna alla scuola elementare.

Il contagio dei pidocchi avviene attraverso:

  • contatto stretto con una persona che ne è colpita;
  • contatto con indumenti o biancheria da letto infestati;
  • uso promiscuo di effetti personali quali pettini, spazzole per capelli, asciugamani.

I pidocchi, perciò, possono colpire qualunque persona indipendentemente dall'età, dallo stato sociale e dal grado di igiene.

 

L'identificazione
Il prurito è presente solo nel 15-35% dei casi ed è dovuto alla sensibilizzazione alla saliva del pidocchio.
Compare tardivamente (4-6 settimane dopo l’infestazione).
L’infestazione è confermata quindi solo ed esclusivamente dal riscontro del parassita e/o delle lendini.
Le lendini sono traslucide, poco più piccole di una capocchia di spillo di color bianco o marrone chiaro.
Non bisogna confondere le lendini con la forfora. Le lendini sono tenacemente attaccate al capello da una particolare sostanza adesiva, a differenza della forfora che è facilmente eliminabile con il pettine.

È probabile che se un bambino ha i pidocchi vi siano altri bambini con lo stesso problema, perciò diventa importante la segnalazione spontanea dai genitori alla scuola e dalla scuola ai genitori affinché si controllino i capelli e si esegui il trattamento, se necessario.
Solo in questo modo è possibile arrestare la trasmissione dei pidocchi all’interno della comunità scolastica ed evitare ulteriori recidive (si è infatti constatato, non solo nel nostro Paese, ma in tutti i Paesi Occidentali ove si riscontra un sensibile aumento della diffusione della pediculosi, che tale fenomeno non può essere controllato se non con la responsabilizzazione ed il coinvolgimento delle famiglie).

È opportuno che non vi siano atteggiamenti di colpevolezza da parte degli altri genitori; tali atteggiamenti inducono a tenere nascosto il problema, impedendo così l’attuazione delle misure preventive per il controllo delle infestazioni nella scuola.

 

La terapia
I genitori devono controllare regolarmente, una volta alla settimana, i capelli dei bambini per la ricerca dei pidocchi con l’avvertenza che una semplice osservazione del cuoio capelluto è insufficiente e che pertanto la ricerca va condotta attentamente aiutandosi con l’apposita pettinina a denti fitti.
Nel caso siano stati trovati pidocchi o uova vitali (vanno considerate vitali le uova di pidocchio che si trovano a meno di un centimetro di distanza dalla radice del capello), i genitori devono procedere al trattamento utilizzando uno shampoo o crema o gel pediculocida di provata efficacia. Per i 10 giorni successivi i genitori devono, a giorni alterni, procedere al controllo dei capelli per la ricerca e l’asportazione di pidocchi e lendini. Dopo 7-10 giorni è consigliata la ripetizione del trattamento con lo stesso prodotto pediculocida.
A casa vanno anche lavate le federe, le lenzuola e gli abiti che vengono a contatto con i capelli (berretti, sciarpe, ecc..).
Il controllo dei capelli va esteso anche a tutti i componenti della famiglia
Il bambino che ha avuto i pidocchi può andare a scuola il mattino seguente il primo trattamento.

 

Il nostro consiglio
La Parafarmacia Partigiani, da sempre attenta alle terapie naturali, collaterali e integrative della medicina tradizionale in virtù del fatto che i pediculocidi di tipo chimico spesso provocano reazioni allergiche e/o di irritazione e/o intolleranza a livello del cuoio capelluto consiglia
uno shampoo a base di essenze vegetali totalmente atossici, che eliminano i pidocchi, staccano e deteriorano le lendini e contemporaneamente svolgono un'azione repellente per prevenire il contagio.

Ultime Notizie

mercoledì 16 dicembre 2020 ore 17:15
La Germania chiude tutto fino al 10 gennaio. In Italia quasi settecento decessi
All’ultimo incontro governo-regioni Luca Zaia sembra aver proposto misure restrittive da zona rossa fino all’epifania chiedendo provvedimenti più rigidi rispetto a quanto previsto dal decreto Natale e dall'ultimo dpcm. A sostegno di...

LEGGI TUTTO


sabato 12 dicembre 2020 ore 17:21
Scende l’indice Rt, ma i decessi sono ancora alti
L'indice Rt in Italia scende a 0,82 ma ancora diverse regioni a rischio alto. Da domenica Lombardia, Piemonte, Calabria e Basilicata entrano in zona gialla, mentre l’Abruzzo passa in zona arancione...

LEGGI TUTTO


lunedì 07 dicembre 2020 ore 17:45
Nuove restrizioni in Puglia, mentre l’Abruzzo si autoproclama “arancione”
Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che il numero dei guariti in Italia è salito a 933.132(+19.638 rispetto alla giornata di ieri), mentre il numero dei...

LEGGI TUTTO


venerdì 04 dicembre 2020 ore 17:21
Cambio colore di alcune regioni e nuovo bollettino
Dopo l’analisi degli attuali indici di contagio Rt, il Ministro Speranza ha firmato le ordinanze che prevedono il cambio di colore per alcune regioni a partire da domenica 6 dicembre...

LEGGI TUTTO


venerdì 27 novembre 2020 ore 17:35
Pericolo zona rossa per la Puglia. Cala l’indice Rt nazionale
L'indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici nel periodo 4-17 novembre è sceso a 1,08. Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che...

LEGGI TUTTO



PREVENIRE L'INFARTO

Medicina Generale

PREVENIRE L'INFARTO

LA GEMMOTERAPIA

Omeopatia

LA GEMMOTERAPIA

LA COUPEROSE

Dermatologia

LA COUPEROSE

Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.