Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

PARLIAMO DI DISFUNZIONE ERETTILE

La disfunzione erettile è un disturbo che impedisce all’uomo di raggiungere e/o mantenere il pene in erezione durante il rapporto sessuale. Si stima che ne soffra circa il 13% della popolazione maschile italiana ma l’incidenza tocca una percentuale ben più elevata (il 50%) se si considerano gli uomini con una età compresa tra i 40 e i 70 anni.

Si suole differenziare la disfunzione erettile in primaria e secondaria, ove la prima interessa già le fasi iniziali dell’attività sessuale e la seconda interviene in un successivo momento.

Quali sono le cause?

Le cause che possono scatenare la disfunzione erettile sono diverse e spesso difficili da inquadrare e quindi da trattare.
Vediamone alcune:

  • Parliamo innanzitutto di cause psicologiche come stress, ansia e depressione: in questi casi la disfunzione erettile di solito è reversibile, specie se si comprende quale sia l’origine del problema e non ci si faccia prendere dall’ansia da prestazione che può solo peggiorare il disturbo. Fondamentale è l’intervento di un sessuologo che con sedute ed esercizi mirati al rilassamento e alla comunicazione di coppia può aiutare a risolvere il disturbo;

  • Si parla, invece, di cause organiche quando la disfunzione erettile è causata da diabete, obesità, malattie del sistema vascolare, neuropatie periferiche, ipogonadismo, iperprolattinemia, traumi spinali. In questi casi, è necessario rivolgersi a uno specialista, che valuterà attentamente le cause organiche che hanno determinato la disfunzione, risolvendo prima le eventuali patologie a carico di altri organi e poi somministrando trattamenti farmacologici specifici per la disfunzione erettile;

  • Altre cause scatenanti sono da ricercarsi nell’abuso di droghe e alcool o se si è sottoposti a determinati trattamenti farmacologici.

L'erezione comincia nel cervello con il rilascio di numerosi neurotrasmettitori che ne determinano l’inizio o la fine. Gli stimoli fisici e psicologici provocano l’aumento del flusso sanguigno arterioso al pene che insieme alla rigidità elastica della tonaca albuginea causa il rigonfiamento e la rigidità del pene.

Cosa fare se si sospetta una disfunzione erettile?

In caso di disfunzione erettile è fondamentale rivolgersi al proprio medico e successivamente a uno specialista, che dopo aver fatto un’anamnesi accurata e aver sottoposto il paziente a esami clinici specifici, può individuarne la causa e intraprendere una adeguata terapia.
Per una corretta diagnosi possono essere eseguiti alcuni esami ematici e l’esame delle urine (profilo ormonale, livelli di colesterolo, trigliceridi, bilirubina, transaminasi, ecc.) insieme a dei test specifici della funzionalità erettile per verificare la normalità o meno del flusso sanguigno nel pene e nei vasi di afflusso e deflusso, la conduzione degli impulsi, il tono muscolare.

Ne elenchiamo alcuni:

  • l'ecografia dinamica peniena;
  • la cavernosografia dinamica;
  • la conduzione dei nervi penieni;
  • la rilevazione delle erezioni notturne.

Nell’anamnesi della disfunzione erettile è utile anche esaminare testicoli e prostata per rilevare eventuali anomalie strutturali e funzionali: può capitare, infatti, che a causare la disfunzione erettile siano proprio i processi infiammatori a carico della prostata.

La disfunzione erettile colpisce molti uomini che, però, assaliti dalla vergogna, evitano di rivolgersi a uno specialista. Questo atteggiamento è assolutamente sbagliato: infatti, solo un consulto medico ed esami mirati possono aiutare gli uomini a risolvere questo disturbo “imbarazzante”.

Ultime Notizie

domenica 18 ottobre 2020 ore 17:45
AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS
Sale il numero dei contagiati nelle ultime 24 ore con un numero di tamponi inferiore (oggi 146.541, ieri 165.837). Picco di contagi in Lombardia, Campania, Lazio e Piemonte. Rispetto a ieri aumentano anche i decessi, i ricoveri ordinari e in terapia intensiva...

LEGGI TUTTO


venerdì 16 ottobre 2020 ore 17:35
Oltre 10 mila i contagi giornalieri e preoccupazione per le terapie intensive
Alessandro Vergallo
, presidente nazionale dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri ha dichiarato all’ANSA la sua preoccupazione per l’aumento dei pazienti in...

LEGGI TUTTO


giovedì 15 ottobre 2020 ore 17:25
CORONAVIRUS: nuovo record di contagi dall'inizio della pandemia
Sono 8.804 i nuovi positivi e 83 i morti in 24 ore che fanno segnare un record di contagi in Italia dall’inizio della pandemia con circa 163 mila tamponi effettuati. Boom di contagi in Lombardia che fa segnare oltre duemila casi mentre la Campania e il Piemonte superano i mille casi giornalieri...

LEGGI TUTTO


martedì 13 ottobre 2020 ore 17:15
Crescono i pazienti in terapia intensiva (514) e i decessi sono 41 in un giorno
In Italia aumentano i positivi (5.901) a fronte di 112.544 tamponi effettuati. In terapia intensiva sono stati ricoverati 62 pazienti più di ieri e aumentano, anche, i ricoveri ordinari (+255). Il principale sindacato dei medici ospedalieri Anaao lancia l’allarme...

LEGGI TUTTO


domenica 11 ottobre 2020 ore 17:35
Ira del sindaco di Bari sui festaioli e ultimi dati nazionali
Sono ancora oltre cinque mila i nuovi casi da coronavirus sul territorio nazionale, nonostante i tamponi fatti siano oltre 28 mila in meno (104.658). In terapia intensiva sono state ricoverate 30 persone in più, nelle ultime 24 ore. Ancora una volta Lombardia e Campania fanno registrare i numeri più alti...

LEGGI TUTTO



Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.