Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

L’ACIDO FOLICO: UNA SOSTANZA FONDAMENTALE IN GRAVIDANZA

L’Acido folico e i folati sono vitamine del gruppo B, note anche con il nome di vitamina B9.
La parola deriva dal latino folium, cioè foglia. Fu l’americano Mitchell, negli anni '40, il primo ad usare il termine "acido folico" per indicare sostanze estratte dalle foglie di spinaci, rivelatesi utili per contrastare alcuni tipi di anemia.

L’acido folico è molto importante per l’organismo, in particolare durante la gravidanza.
Vediamo nello specifico perché a una donna in dolce attesa viene prescritta questa vitamina:
durante la gravidanza il fabbisogno di acido folico aumenta notevolmente, questo perché esso ha un ruolo fondamentale nella crescita dei tessuti materni, in quanto interviene nel processo di divisione cellulare.

L’organismo umano, infatti, utilizza l’acido folico per produrre nuove cellule, per la sintesi del Dna e delle proteine, come anche per la formazione dell’emoglobina, e, come detto in precedenza, per tutti quei tessuti soggetti a processi di proliferazione e diversificazione, come quelli embrionali. Per questa ragione, si è ritenuto l’acido folico importantissimo per prevenire alcune malformazioni congenite, come quelle che interessano il tubo neurale. Inoltre, non si è esclusa la possibilità che esso possa intervenire anche nella prevenzione di altri difetti congeniti, come la labio-palatoschisi e alcuni difetti cardiaci.

Gli integratori di acido folico in gravidanza, quindi, sono necessari, anche perché non vi sono assolutamente pericoli noti circa l’utilizzo di questa vitamina, purché non si superino le dosi consigliate. In commercio sono disponibili integratori che contengono la dose giornaliera raccomandata (0,4 mg per capsula - una capsula al giorno), anche se la somministrazione viene sempre decisa dal ginecologo, cui rivolgersi per qualsiasi dubbio in merito.

L’acido folico è contenuto soprattutto in verdure (cavoli, lattuga, spinaci, asparagi, pomodori), nella frutta (specialmente in kiwi, fragole, arance e datteri), nel frumento integrale e nei suoi derivati e nei legumi.

Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.