Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

“VISSI D’ARTE E DI DIPENDENZA!”

 

A cura della 
Dott.ssa Gilda De Giorgi 

Psicoterapeuta e psicologa clinica, specializzata in salute 
relazioni familiari e interventi di comunità 

Maglie  

 

Quante volte vi sarete domandati se il/la vostro/a partner vi ama?! E quante volte non siete riusciti a trovare una risposta compiuta a questa domanda? Domanda legittimamente da porsi non solo rispetto ad un/una partner, ma rispetto a tutte le relazioni significative, come quelle genitoriali, genericamente familiari e amicali. E qualora foste riusciti a trovare una risposta positiva a tale questione, vi siete mai chiesti se quello manifestato fosse amore o dipendenza?

La parola “dipendenza”, da tempo ormai sdoganata e utilizzata dai più in maniera impropria e acontestuale, viene spesso associata ad una sostanza, ad esempio droga o altro, o ad un oggetto o ancora ad una pratica, come quella sessuale. Ma se l’oggetto in questione foste voi? O meglio, la relazione con voi?

Esiste una particolare tipologia di dipendenza: la dipendenza affettiva (o love addiction)! Il primo specialista a parlarne è stato Fenichel, psicanalista della prima metà del ‘900, che coniò il termine “amori dipendenti”! Dopo di lui, altri specialisti del settore, come Blasco (2005) sono giunti ad una definizione ben precisa della patologia. Tale definizione recita parimenti:

“La dipendenza sentimentale è la necessità estrema di carattere affettivo che il soggetto dipendente prova nei confronti del partner, che si manifesta con comportamenti di sottomissione, con pensieri di tipo ossessivo e con una perenne paura dell’abbandono.”

Come mai tale tipo di dipendenza è stata scoperta, riconosciuta, etichettata e studiata solo in tempi relativamente recenti? Se è vero che ogni tipologia di addiction “nasce e cresce” di pari passo con la nascita e la diffusione di una nuova sostanza, un nuovo oggetto, come mai quella affettiva è stata riconosciuta solo negli ultimi anni? Eppure, le relazioni sentimentali esistono dalla notte dei tempi.
A tale domanda, sociologi e psicologi hanno risposto con un’attenta analisi dei cambiamenti sociali avvenuti tra il secolo passato e il presente. In sintesi costoro sono giunti alla conclusione che oggi le aspettative rispetto al rapporto di coppia sono cambiate. Se prima la relazione, il matrimonio venivano vissuti come dogmi societari o adempimenti funzionali al vivere bene o meglio, secondo regole prestabilite da una logica top down, oggi tali presupposti sono stati sostituiti dalla ricerca dell’amore, di una base sicura, della felicità e dell’intimità. Si è passati da una logica adempitiva ad una emotiva.
E ancora, se un tempo eravamo alimentati dalla paura dei giudizi e delle critiche altrui, adesso la nostra fonte di nutrimento sono le emozioni suscitate dallo stare, essere e sentirsi in relazione. In questa nuova ottica il soggetto dipendente assume tale nutrimento come necessario e mai sufficiente.
Per tale ragione, “SIAMO NOI LA NUOVA DROGA!”

Le questioni che si pongono giunti a questo livello di constatazione sono due:

  •  Come possiamo riconoscere un partner innamorato da un partner dipendente?
  •  E qualora riuscissimo a riconoscerlo, riusciremmo a privarcene?

Rispetto la prima questione, le definizioni e le ricerche rispetto tale addiction possono essere da aiuto nel riconoscimento. Risulta a tal fine utile aggiungere alla definizione suggerita pocanzi, un quadro di quelle che possono essere le caratteristiche della persona dipendente, ammesso che non lo siate voi stessi. In questo caso, il riconoscimento e la presa di coscienza richiedono senza ombra di dubbio un percorso terapeutico mirato con uno o più professionisti. Nel caso in cui il dubbio fosse relativo al vostro partner, è bene sapere che il soggetto affetto da addiction rinuncia ad una parte della sua autonomia decisionale, di critica e di giudizio, in quanto tale funzioni sono delegate al partner da cui trae dipendenza. Tale rinuncia si traduce in un comportamento di totale sottomissione all’altro, al suo volere, al suo affetto, al suo pensiero. La stessa sottomissione vale anche per i propri bisogni, che vengono completamente subordinati a quelli dell’altro. La dipendenza inoltre, si manifesta anche in una sorta di sindrome da astinenza affettiva, tale per cui l’alternanza dello stato di benessere/malessere del soggetto dipendente è direttamente proporzionale a variazioni dell’asse vicinanza/distanza, sia fisica che emotiva, tanto quanto qualitativa/quantitativa. Alla base di tali comportamenti e stati emotivi vi è la percezione necessaria di un totale stato di fusionalità con l’altro in relazione, che si traduce in un movimento dinamico di deprivazione del sé e di “vicarietà” della propria identità, ragione per cui viene completamente a cadere il concetto romantico di “incontro tra due anime”, dal momento che non sussiste ontologicamente la duplicità, tantomeno la reciprocità. Inoltre, il soggetto affetto da addiction tende ad avere un atteggiamento negativo verso il Sé, supportando la credenza patogena di essere una persona inadeguata, bisognosa e in costante bisogno di aiuto. Sulla base di tale caratteristica pone costantemente in dubbio la propria relazione poiché assillato dall’idea di non meritarla e dal terrore che possa finire da un momento all’altro.

Rispetto la seconda questione, il riconoscimento dell’altro in relazione come di un soggetto dipendente passa attraverso il bisogno della persona “sana” di tale riconoscimento. Dal momento che siamo noi la droga dell’altro e non una sostanza o oggetto, è necessario fare i conti con il nostro stesso bisogno di nutrimento in termini emotivi. In poche parole, lo stato di dipendenza in un rapporto tra due persone si istituisce nel momento stesso in cui vi è una co-alimentazione di tale stato. Per cui, la persona sana diventa protagonista attivo di tale relazione, per quanto essa possa essere malata, dal momento che si nutre del bisogno di essere necessario per l’altro. Tale bisogno tocca il lato narcisistico più o meno sviluppato della persona sana, direttamente alimentato dal desiderio fagocitante dell’altro. In parole semplici, appare difficile riconoscere la dipendenza dell’altro, salvo per manifestazioni franche ed eclatanti, poiché noi stessi traiamo beneficio dalla dipendenza stessa, per la semplice ragione di sentirci quasi onnipotenti rispetto all’altro.

In tale situazione la complessità del quadro patologico non si situa tanto nella cura della dipendenza quanto nel suo riconoscimento, tanto da parte del soggetto addicted quanto della persona ad esso legata. Fermo restando che nel mondo relazionale esistono talmente tanti tipi di “incastri amorosi” frutto di svariate combinazioni tra tipi diversi di personalità e che la patologia nasce nel momento in cui questa si interpone tra se e i propri obiettivi, relazionali o meno che siano, l’utilità di tale spazio di riflessione si pone come contributo verso una conoscenza in più rispetto la società e i suoi cambiamenti e non come spinta verso “l’autoanalisi” o l’analisi del proprio partner. È bene inoltre sottolineare come in alcune culture, soprattutto orientali, la personalità di tipo dipendente sia del tutto adattiva. Per tale ragione, ogni constatazione o ipotesi diagnostica deve tenere bene a mente il contesto culturale e subculturale di riferimento.

Preservando il diritto di ognuno di vivere ed etichettare le sue relazioni a proprio gusto e piacimento, come anche di discriminarle, concludo con l’affermazione di una nota psicologa che ha fornito un cospicuo contributo all’analisi della dipendenza affettiva:

“Le parole che vengono spesso associate alla dipendenza includono termini come ossessivo, eccessivo, distruttivo, compulsivo, abituale, attaccato e dipendente. E se ci pensi, alcune di queste parole sono usate anche per parlare d’amore.”

B. Schaeffer, 1987

 

Blasco J. C., Dependencia emocional: caracteristicas y tratamiento, Spagna, ALIANZA EDITORIAL, 2005.
Schaeffer B., Is It Love or Is It Addiction: The book that changed the way we think about romance and intimacy, Center City, Minnesota, Hazelden, 1987.

Fenichel O., Collected Papers, First Series and Second Series; Fenichel H., Rapaport D. eds. ; New York, Norton & Company.

Ultime Notizie

venerdì 27 novembre 2020 ore 17:35
Pericolo zona rossa per la Puglia. Cala l’indice Rt nazionale
L'indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici nel periodo 4-17 novembre è sceso a 1,08. Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che...

LEGGI TUTTO


lunedì 23 novembre 2020 ore 17:21
AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS
Calano i nuovi positivi e le persone in isolamento domiciliare, inoltre nelle ultime 24 ore solo 9 pazienti covid-19 sono entrati in terapia intensiva. Resta alto, invece, il numero dei decessi. I tamponi effettuati sono stati...

LEGGI TUTTO


sabato 21 novembre 2020 ore 17:32
Speranza sulla vaccinazione. Calano i ricoveri in terapia intensiva
Rallentano i ricoveri in terapia intensiva per covid-19. Nelle ultime 24 ore sono stati dieci i posti occupati in più dai malati covid-19 nei reparti di rianimazione. I positivi di giornata ammontano a 34.767 su 237.225 tamponi effettuati...

LEGGI TUTTO


martedì 17 novembre 2020 ore 17:18
Ancora polemiche sul colore delle regioni mentre i decessi salgono a 731
Il nuovo bollettino riporta un numero di nuovi positivi pari a 32.191 a fronte di 208.458 tamponi effettuati. I ricoveri in terapia intensiva sono aumentati di 120 unità, mentre quelli nei reparti ordinari sono 538 in più. Dopo alcuni giorni in cui il tasso di positività...

LEGGI TUTTO


giovedì 12 novembre 2020 ore 17:25
AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS
Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che il numero dei guariti in Italia è salito a 387.758 (+15.645 rispetto alla giornata di ieri), mentre il numero dei decessi ha raggiunto le 43.589 unità (+636 rispetto all’ultima rilevazione)...

LEGGI TUTTO



IDENTITÀ A PORTATA DI CLICK

Psicologia e Psichiatria

IDENTITÀ A PORTATA DI CLICK

PERCHÉ È COSÌ DIFFICILE RIVOLGERSI AD UNO PSICOLOGO?

Psicologia e Psichiatria

PERCHÉ È COSÌ DIFFICILE RIVOLGER …

LA VECCHIAIA NON È COSÌ MALE, SE CONSIDERATE LE ALTERNATIVE

Psicologia e Psichiatria

LA VECCHIAIA NON È COSÌ MALE, SE …

IL DISEGNO NELLA PSICOTERAPIA INFANTILE

Psicologia e Psichiatria

IL DISEGNO NELLA PSICOTERAPIA INFAN …

ANZIANI E SOLITUDINE: UN BINOMIO CONSOLIDATO

Psicologia e Psichiatria

ANZIANI E SOLITUDINE: UN BINOMIO CO …

LO SPORT COME VEICOLO DI SVILUPPO E DI BENESSERE BIO-PSICO-SOCIALE

Psicologia e Psichiatria

LO SPORT COME VEICOLO DI SVILUPPO E …

ADOLESCENZA E DEVIANZA

Psicologia e Psichiatria

ADOLESCENZA E DEVIANZA

SPRECO ALIMENTARE O INVESTIMENTO?

Psicologia e Psichiatria

SPRECO ALIMENTARE O INVESTIMENTO?

LA PSICOLOGIA DEL TURISMO, DA VIAGGIATORE A TURISTA

Psicologia e Psichiatria

LA PSICOLOGIA DEL TURISMO, DA VIAGG …

IL SÉ OLTRE L’IMMAGINE DEL PROFILO

Psicologia e Psichiatria

IL SÉ OLTRE L’IMMAGINE DEL PROFILO

PERSONALITÀ PSICOPATICHE

Psicologia e Psichiatria

PERSONALITÀ PSICOPATICHE

“VISSI D’ARTE E DI DIPENDENZA!”

Psicologia e Psichiatria

“VISSI D’ARTE E DI DIPENDENZA!”

LO PSICOLOGO DEL COVID, CERCASI DEFINIZIONE

Psicologia e Psichiatria

LO PSICOLOGO DEL COVID, CERCASI DEF …

L’ALCOLISMO GIOVANILE

Psicologia e Psichiatria

L’ALCOLISMO GIOVANILE

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: ANORESSIA E BULIMIA ''TRA SCIENZA E FEDE''

Psicologia e Psichiatria

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTA …

CALDO, ANSIA E ATTACCHI DI PANICO: L'INCUBO DELL'ESTATE

Psicologia e Psichiatria

CALDO, ANSIA E ATTACCHI DI PANICO: …

L'HOMO FABER È TALE IN QUANTO HOMO LUDENS!

Psicologia e Psichiatria

L'HOMO FABER È TALE IN QUANTO HOMO …

UN SALUTO SOSPESO. LUTTO, PERDITA E CORDOGLIO

Psicologia e Psichiatria

UN SALUTO SOSPESO. LUTTO, PERDITA E …

IL FEMMINICIDIO, IERI E OGGI

Psicologia e Psichiatria

IL FEMMINICIDIO, IERI E OGGI

AIUTAMI A DIMENTICARE: IL SENSO DEL RICORDO E DEL RICORDARE!

Psicologia e Psichiatria

AIUTAMI A DIMENTICARE: IL SENSO DEL …

INCONTRARE GLI ATTACCHI DI PANICO NELLA PROPRIA VITA

Psicologia e Psichiatria

INCONTRARE GLI ATTACCHI DI PANICO N …

L'IPOCONDRIA

Psicologia e Psichiatria

L'IPOCONDRIA

AUTISMO O AUTISMI? UN PO' D'ORDINE!

Psicologia e Psichiatria

AUTISMO O AUTISMI? UN PO' D'ORDINE!

ANCORA IN TEMA DI EPIDEMIA DA CORONAVIRUS: “DI NECESSITÀ, VIRTÙ”

Psicologia e Psichiatria

ANCORA IN TEMA DI EPIDEMIA DA CORON …

LA FRAGILITÀ DEL GENERE UMANO

Psicologia e Psichiatria

LA FRAGILITÀ DEL GENERE UMANO

CORONAVIRUS: ENDEMIA, EPIDEMIA O PANDEMIA?

Psicologia e Psichiatria

CORONAVIRUS: ENDEMIA, EPIDEMIA O PA …

DALL’INCASTRO AMOROSO ALL’INCASTRO PATOLOGICO

Psicologia e Psichiatria

DALL’INCASTRO AMOROSO ALL’INCAS …

PIÙ ECO MENO EGO. RACCONTO DI UN PROGETTO

Psicologia e Psichiatria

PIÙ ECO MENO EGO. RACCONTO DI UN P …

DALLA CRISI DELLA RAZIONALITÀ ALLA CRISI DELLA RELAZIONALITÀ

Psicologia e Psichiatria

DALLA CRISI DELLA RAZIONALITÀ ALLA …

QUALE RIPRESA NEL POST LOCKDOWN?

Psicologia e Psichiatria

QUALE RIPRESA NEL POST LOCKDOWN?

L'ESPERIENZA DEL LUTTO E IL SUO PROCESSO DI ELABORAZIONE

Psicologia e Psichiatria

L'ESPERIENZA DEL LUTTO E IL SUO PRO …

L'EPILESSIA

Neurologia

L'EPILESSIA

Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.