Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

LA FRAGILITÀ DEL GENERE UMANO

 

LETTERA APERTA DEL DOTT. SALVATORE SISINNI
Specialista in Malattie Nervose e Mentali
Primario ospedaliero di Psichiatria


Un virus ultramicroscopico mette in ginocchio il genere umano senza neppure un preavviso

I latini dicevano: “Tot capita, tot sententiae”. Mai, come in questo periodo questo detto è stato davvero appropriato. Nel nostro Paese, come in tutto il Pianeta, si sta procedendo in ordine sparso, nonostante l’appello delle Autorità (nel nostro Paese, il Presidente Mattarella, il Capo del Governo Conte e il Ministro della Salute) ad essere uniti. Perché – questo è lo slogan – “uniti si vince”. Ed è vero. Ma come si fa ad essere uniti? Le vignette sulla prima pagina dei giornali o di alcune riviste, quasi sempre, parlano più chiaro di quanto lo faccia un editoriale o un lungo articolo. Ne cito una sola, quella del noto vignettista della rivista “L’Espresso” Altan. Uno dei due personaggi della vignetta rivolge il microfono, a mo’ di intervista all’altro. Che risponde: “Sono un scienziato”. Di rimando, l’intervistatore gli chiede “Di destra o di sinistra?”. Che cosa vuol dire se non che non c’è identità di vedute neppure nel mondo della scienza? Un altro rilievo che non bisogna sottovalutare è quello che sto per esprimere. Premetto subito che condivido il gesto di Papa Francesco di qualche giorno fa, quando, coraggiosamente, sfidando il decreto del Governo italiano si è recato in una chiesa di Roma per pregare San Marcellino che, tanti secoli fa, liberò la “Città eterna” da ua epidemia grave, quella della peste. Qualcuno, non io, potrebbe dire che ha violato una legge che, da cittadino, ligio al dovere, era tenuto a rispettare; ma come mai nessun operatore di Polizia lo ha fermato per chiedergli se aveva il modulo di autocertificazione previsto, per vedere che cosa c’era scritto per giustificare i gravi “motivi di necessità” del suo atto? San Marcellino non poteva pregarlo dal suo studio privato? La preghiera non avrebbe avuto la stessa efficacia? E, poi, il suo invito ai sacerdoti a non chiudersi nelle sagrestie, vale a dire a non fare i “Don Abbondio” e ad andare a trovare nelle case chi sta solo, chi ha bisogno, non contrasta con le disposizioni del Governo? E, ancora, perché agli anziani si dice che devono restare a casa quando, poi, il Presidente di un Istituto di previdenza e assistenza medica – l’Enpam – medico di famiglia, in un’intervista in Tv, ha detto che gli anziani devono uscire, ovviamente rispettando le dovute accortezze (non frequentare luoghi affollati, mantenersi alla indicata distanza dalle persone, lavarsi le mani, ecc.), perché, se sono diabetici, camminando la glicemia scende; se hanno l’intestino pigro, come molti anziani hanno, il movimento lo “sveglia”; se sono artropatici – e l’artrosi è la malattia della vecchiaia – le articolazioni col movimento non si “arrugginiscono”.

Io questo suo consiglio lo sto seguendo, servendomi dell’autocertificazione sulla quale ho scritto che mi reco in un negozio di alimentari per comprare qualcosa da mangiare per sopravvivere. Ma se non lo facessi e, cioè, non fossi munito di quella “carta” il carabiniere di turno mi denuncerebbe o mi lascerebbe camminare? Le leggi, secondo me, per essere osservate devono essere applicabili, cioè devono reggere al vaglio del semplice buon senso.

Un’ultima cosa, forse banale ma non troppo: il recente Decreto “Cura Italia” sta dilazionando il pagamento delle bollette di qualche mese – anche se questa epidemia, secondo le previsioni, durerà molto di più – e sta dando il “contentino” di 600 euro ai titolari di partita Iva ma ai “poveri” pensionati che, dopo aver lavorato una vita, godendo di un assegno superiore a tre volte quello minimo, quindi che appartengano alla “media borghesia”, che da un po’ di anni viene trascurata, anzi “tartassata” non merita alcun beneficio. Eppure, se ha investito qualcosa della sua indennità di fine rapporto, per non tenerla in casa, sotto il mattone, in questi giorni con il crollo spaventoso della borsa, a causa dell’epidemia da coranovirus, ha visto falcidiato quel suo tesoretto nel quale aveva riposto tante speranze per sé, per i suoi figli e nipoti. Il Premier Conte non avrebbe dovuto pensare anche a questa categoria di cittadini? A meno che non li consideri cittadini di serie B.

Per finire, si dice da esperti (psichiatri, psicologi, sociologi) che la paura è giustificata ma non il panico. Mi chiedo come mai si possa fare a distinguere la linea di demarcazione tra la paura e il panico. L’altro giorno, un esperto del Ministero della Salute, nel corso di un telegiornale, dettava le regole di comportamento da nseguire in questa situazione di emergenza sanitaria. Ebbene, tra quelle condivisibili e applicabili (il lavaggio ripetuto delle mani, la mascherina, la distanza di almeno un metro, ecc.) ce n’erano altre inapplicabili, secondo me, quali, ad esempio, quella di togliersi le scartpe entrando in casa e di conservarle nella scarpiera o sul davanzale all’esterno della finestra e, addirittura, di togliersi l’abito (cappotto, giacca, pantaloni, ecc.) sostituendolo con il pigiama  

Con profonda stima e distinti saluti.

IL SÉ OLTRE L’IMMAGINE DEL PROFILO

Psicologia e Psichiatria

IL SÉ OLTRE L’IMMAGINE DEL PROFILO

IDENTITÀ A PORTATA DI CLICK

Psicologia e Psichiatria

IDENTITÀ A PORTATA DI CLICK

GENITORI, COME GESTIRE LA PAURA DA CORONAVIRUS CON I PROPRI FIGLI

Psicologia e Psichiatria

GENITORI, COME GESTIRE LA PAURA DA …

IL FEMMINICIDIO, IERI E OGGI

Psicologia e Psichiatria

IL FEMMINICIDIO, IERI E OGGI

QUANDO LA SEMPLICE PAURA DIVENTA NEVROSI (FOBICO-OSSESSIVA) E POI PSICOSI

Psicologia e Psichiatria

QUANDO LA SEMPLICE PAURA DIVENTA NE …

ANCORA IN TEMA DI EPIDEMIA DA CORONAVIRUS: “DI NECESSITÀ, VIRTÙ”

Psicologia e Psichiatria

ANCORA IN TEMA DI EPIDEMIA DA CORON …

LA FRAGILITÀ DEL GENERE UMANO

Psicologia e Psichiatria

LA FRAGILITÀ DEL GENERE UMANO

IL DISEGNO NELLA PSICOTERAPIA INFANTILE

Psicologia e Psichiatria

IL DISEGNO NELLA PSICOTERAPIA INFAN …

IL PROGRESSO BEN VENGA, MA A RISCHIO ZERO PER LA SALUTE

Psicologia e Psichiatria

IL PROGRESSO BEN VENGA, MA A RISCHI …

L'EPILESSIA

Neurologia

L'EPILESSIA

ANZIANI E SOLITUDINE: UN BINOMIO CONSOLIDATO

Psicologia e Psichiatria

ANZIANI E SOLITUDINE: UN BINOMIO CO …

IL CIBO, IL NUTRIMENTO DELL’ANIMA

Psicologia e Psichiatria

IL CIBO, IL NUTRIMENTO DELL’ANIMA

“VISSI D’ARTE E DI DIPENDENZA!”

Psicologia e Psichiatria

“VISSI D’ARTE E DI DIPENDENZA!”

DIETRO LA VIOLENZA DI GENERE. LA “TRAPPOLA” DELLE RELAZIONI DISFUNZIONALI

Psicologia e Psichiatria

DIETRO LA VIOLENZA DI GENERE. LA €…

PERCHÉ È COSÌ DIFFICILE RIVOLGERSI AD UNO PSICOLOGO?

Psicologia e Psichiatria

PERCHÉ È COSÌ DIFFICILE RIVOLGER …

AUTISMO O AUTISMI? UN PO' D'ORDINE!

Psicologia e Psichiatria

AUTISMO O AUTISMI? UN PO' D'ORDINE!

L’ALCOLISMO GIOVANILE

Psicologia e Psichiatria

L’ALCOLISMO GIOVANILE

L’IMPORTANZA DELLA DIAGNOSI PRECOCE NEL DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

Psicologia e Psichiatria

L’IMPORTANZA DELLA DIAGNOSI PRECO …

DALLA CRISI DELLA RAZIONALITÀ ALLA CRISI DELLA RELAZIONALITÀ

Psicologia e Psichiatria

DALLA CRISI DELLA RAZIONALITÀ ALLA …

COME GESTIRE LO STRESS DA MATURITÀ

Psicologia e Psichiatria

COME GESTIRE LO STRESS DA MATURITÀ

ADOLESCENZA E DEVIANZA

Psicologia e Psichiatria

ADOLESCENZA E DEVIANZA

MUSICOTERAPIA: NUOVA FORMA D'ARTE O DI SCIENZA?

Psicologia e Psichiatria

MUSICOTERAPIA: NUOVA FORMA D'ARTE O …

LA PSICOLOGIA DEL TURISMO, DA VIAGGIATORE A TURISTA

Psicologia e Psichiatria

LA PSICOLOGIA DEL TURISMO, DA VIAGG …

L’INCONTRO CON IL DIVERSO. EMOZIONI EVOCATE DALL’INCONTRO CON L’ALTRO NELLA DIMENSIONE DELL’ESTRANEITÀ

Psicologia e Psichiatria

L’INCONTRO CON IL DIVERSO. EMOZIO …

Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.