Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

GENITORI, COME GESTIRE LA PAURA DA CORONAVIRUS CON I PROPRI FIGLI

A cura della 
Dott.ssa Giulia Miglietta 

Psicologa - Psicoterapeuta ad orientamento psicodinamico socio-costruttivista 

Taviano (Lecce) 

 

“[...] la convinzione parentale prevalente è che un bambino deve essere distratto da quello che maggiormente lo turba, dalle sue ansie informi e senza nome e dalle sue fantasie caotiche. Molti genitori credono che al bambino dovrebbero essere presentate soltanto la realtà conscia o immagini piacevoli e capaci di andare incontro ai suoi desideri: egli dovrebbe insomma essere esposto unicamente al lato buono delle cose. Ma questo alimento unilaterale nutre la mente soltanto in modo unilaterale, e la vita reale non è tutta rosa e fiori”.
Il mondo incantato (1975). Bruno Bettelheim

In questo periodo molti genitori si sono ritrovati alle prese con tale interrogativo: come faccio a spiegare a mio figlio l’emergenza da coronavirus? come faccio a rassicurarlo? o, al contrario, come faccio ad allertarlo? Insomma gestire la propria preoccupazione e quella dei propri figli non è sicuramente cosa semplice, si ha la sensazione di sbagliare in qualsiasi cosa si dica loro.

genitori e coronavirusInnanzitutto bisognerebbe auto-regolarsi: un genitore che ha paura deve saperla gestire! Questo non significa negare la propria emozione ma dimostrare di saperla affrontare, ovvero difendersi da essa quando prende il sopravvento ma accoglierla quando tutela, perché la paura ha un grande potenziale adattivo, non è affatto un’emozione “negativa”. Come tutte le emozioni primarie (gioia, tristezza, rabbia, stupore), la paura è un’espressione emotiva profonda che ha senso e ragione di essere sperimentata, è istintiva ed è “tarata” per la sopravvivenza; diventa disfunzionale quando si trasforma in panico, prendendo il sopravvento in modo esacerbato.

Dunque, riconoscere le proprie emozioni e saperle gestire, significa saperle comunicare e condividere. Non serve farsi vedere inattaccabili, o al contrario indifesi, serve parlarne in modo sincero ma temperato, evitando teatralizzazioni di ciò che si prova. I figli comprenderanno che anche il proprio genitore è vulnerabile e che prova le sue stesse emozioni senza vergogna e senza nascondersi. In questo momento il processo del rispecchiamento creerà un’importante occasione di sviluppo del rapporto empatico tra genitore-figlio.

È molto importante essere onesti con i propri figli circa la situazione che si sta vivendo, raccontare bugie o “meglio non dire nulla” al fine di “lasciarli tranquilli” non è il modo più utile per confrontarli con l’esame di realtà. Il bambino deve poter sperimentare occasioni di vita che gli facciano comprendere che il mondo ideale della primissima infanzia non esiste e che la frustrazione del proprio desiderio è una condizione esistenziale inevitabile e con la quale serve confrontarsi per poter sviluppare strategie di adattamento. Oltretutto, i bambini colgono molto bene l’ambivalenza dei messaggi che ricevono dagli adulti, vivendo il doppio legame, ovvero il “ciò che dici è diverso da ciò che agisci”, con grande angoscia. La confusione, il sospetto, il non detto sono dei potenziali ansiogeni molto più deleteri di una verità poco appagante.

Permettere poi ai propri figli di esprimere il loro vissuto è fondamentale! Lasciamoli fare domande, parlare e fantasticare, lasciamoli disegnare, rappresentare il “mostro”. Verbalizzare o proiettare in un prodotto grafico ciò che si sente ha una grande utilità, oltre che catartica anche di controllo, di sé e delle proprie emozioni, poiché “metterle fuori” permette di renderle tangibili, dando loro una forma, un colore, un’organizzazione su cui sviluppare pensiero e riflessione, scongiurando agiti o somatizzazioni.

Spiegare ai più piccoli, con parole semplici, rassicurando e raccomandando allo stesso tempo, è quello che siamo chiamati a fare da genitori, educatori e professionisti della salute, non dimenticando che il mezzo più potente e immediato di insegnamento è l’esempio, ovvero l’apprendimento per imitazione. I bambini fanno ciò che vedono fare più che ciò che gli viene detto di fare, per questo farci trovare pronti ad affrontare le difficoltà, con responsabilità, senza drammatizzazione, è un buon messaggio da far passare ai più piccoli.

Ultime Notizie

mercoledì 16 dicembre 2020 ore 17:15
La Germania chiude tutto fino al 10 gennaio. In Italia quasi settecento decessi
All’ultimo incontro governo-regioni Luca Zaia sembra aver proposto misure restrittive da zona rossa fino all’epifania chiedendo provvedimenti più rigidi rispetto a quanto previsto dal decreto Natale e dall'ultimo dpcm. A sostegno di...

LEGGI TUTTO


sabato 12 dicembre 2020 ore 17:21
Scende l’indice Rt, ma i decessi sono ancora alti
L'indice Rt in Italia scende a 0,82 ma ancora diverse regioni a rischio alto. Da domenica Lombardia, Piemonte, Calabria e Basilicata entrano in zona gialla, mentre l’Abruzzo passa in zona arancione...

LEGGI TUTTO


lunedì 07 dicembre 2020 ore 17:45
Nuove restrizioni in Puglia, mentre l’Abruzzo si autoproclama “arancione”
Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che il numero dei guariti in Italia è salito a 933.132(+19.638 rispetto alla giornata di ieri), mentre il numero dei...

LEGGI TUTTO


venerdì 04 dicembre 2020 ore 17:21
Cambio colore di alcune regioni e nuovo bollettino
Dopo l’analisi degli attuali indici di contagio Rt, il Ministro Speranza ha firmato le ordinanze che prevedono il cambio di colore per alcune regioni a partire da domenica 6 dicembre...

LEGGI TUTTO


venerdì 27 novembre 2020 ore 17:35
Pericolo zona rossa per la Puglia. Cala l’indice Rt nazionale
L'indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici nel periodo 4-17 novembre è sceso a 1,08. Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che...

LEGGI TUTTO



LA FRAGILITÀ DEL GENERE UMANO

Psicologia e Psichiatria

LA FRAGILITÀ DEL GENERE UMANO

GENITORI, COME GESTIRE LA PAURA DA CORONAVIRUS CON I PROPRI FIGLI

Psicologia e Psichiatria

GENITORI, COME GESTIRE LA PAURA DA …

QUANDO LA SEMPLICE PAURA DIVENTA NEVROSI (FOBICO-OSSESSIVA) E POI PSICOSI

Psicologia e Psichiatria

QUANDO LA SEMPLICE PAURA DIVENTA NE …

8 MARZO. FESTA DELLA DONNA

Psicologia e Psichiatria

8 MARZO. FESTA DELLA DONNA

IDENTITÀ A PORTATA DI CLICK

Psicologia e Psichiatria

IDENTITÀ A PORTATA DI CLICK

VACCINO, QUESTO SCONOSCIUTO!

Psicologia e Psichiatria

VACCINO, QUESTO SCONOSCIUTO!

DECRETI PER FRONTEGGIARE IL CORONAVIRUS: CONFUSIONE E CONTRADDIZIONI

Psicologia e Psichiatria

DECRETI PER FRONTEGGIARE IL CORONAV …

L'IPOCONDRIA

Psicologia e Psichiatria

L'IPOCONDRIA

ADOLESCENZA E DEVIANZA

Psicologia e Psichiatria

ADOLESCENZA E DEVIANZA

PERSONALITÀ PSICOPATICHE

Psicologia e Psichiatria

PERSONALITÀ PSICOPATICHE

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: ANORESSIA E BULIMIA ''TRA SCIENZA E FEDE''

Psicologia e Psichiatria

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTA …

IL RUMORE DEL SILENZIO NELLA VIOLENZA ASSISTITA

Psicologia e Psichiatria

IL RUMORE DEL SILENZIO NELLA VIOLEN …

LA PSICOLOGIA DEL TURISMO, DA VIAGGIATORE A TURISTA

Psicologia e Psichiatria

LA PSICOLOGIA DEL TURISMO, DA VIAGG …

COVID: NEMICO PUBBLICO N. 1

Psicologia e Psichiatria

COVID: NEMICO PUBBLICO N. 1

LA DEPRESSIONE: UN “MALE” NON PIÙ “OSCURO”

Psicologia e Psichiatria

LA DEPRESSIONE: UN “MALE” NON P …

L'EPILESSIA

Neurologia

L'EPILESSIA

GLI ELEMENTI DISTINTIVI DELLA GENITORIALITÀ ADOTTIVA

Psicologia e Psichiatria

GLI ELEMENTI DISTINTIVI DELLA GENIT …

IL PROGRESSO BEN VENGA, MA A RISCHIO ZERO PER LA SALUTE

Psicologia e Psichiatria

IL PROGRESSO BEN VENGA, MA A RISCHI …

TELEMEDICINA SÌ, MA…

Psicologia e Psichiatria

TELEMEDICINA SÌ, MA…

UN SALUTO SOSPESO. LUTTO, PERDITA E CORDOGLIO

Psicologia e Psichiatria

UN SALUTO SOSPESO. LUTTO, PERDITA E …

Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.