Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

QUANDO COMINCIA LO SVEZZAMENTO E PERCHE’?

Lo svezzamento (o divezzamento) consiste nell’introduzione di cibi solidi e semisolidi nella dieta del lattante, che vanno a integrare il latte materno o formulato.

La Società Italiana di Pediatria non ha dubbi: “lo svezzamento va iniziato gradualmente, dopo i sei mesi di vita del bambino”.
Il meccanismo digestivo del lattante, infatti, necessita di un tempo fisiologico di adattamento, che gli garantisca la capacità di digerire i nuovi alimenti, fondamentali in questa fase di crescita.

Va precisato che la regola suddetta può subire deroghe, se espressamente previste dal pediatra che, in determinate circostanze e a sua discrezione, può decidere di anticipare o posticipare l’inizio dello svezzamento.

Perché è necessario lo svezzamento?
Questo passaggio di vita del bambino è molto importante, poiché gli consente di apportare quei principi nutritivi necessari per l’accrescimento del corpo e per lo sviluppo sia sensoriale che psicologico.

Come avviene lo svezzamento?
Esso avviene passando dal biberon al cucchiaino, che consente di:

  • somministrare carboidrati, sotto forma di amidi, per procedere, a piccoli passi, verso quella che sarà l’alimentazione della persona adulta;
  • somministrare proteine di origine animale, in forma altamente digeribile (liofilizzati e omogeneizzati);
  • somministrare l’olio vegetale (preferibilmente olio extravergine di oliva), fonte per eccellenza di grassi polinsaturi;
  • somministrare vitamine sotto forma di frutta;
  • somministrare minerali fondamentali come il ferro, attraverso il brodo vegetale e la carne.

È bene ricordare che lo svezzamento deve avvenire con giudizio: l’accostamento al cibo non può essere troppo precoce: ciò potrebbe ridurre l’effetto protettivo dell’allattamento, causare diarree, fenomeni allergici o un sovraccarico renale di Sali minerali. Occorre dunque procedere con cura e con cautela, facendosi guidare dall’esperienza e dai consigli dietetici del pediatra di riferimento.

Ultime Notizie

venerdì 27 novembre 2020 ore 17:35
Pericolo zona rossa per la Puglia. Cala l’indice Rt nazionale
L'indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici nel periodo 4-17 novembre è sceso a 1,08. Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che...

LEGGI TUTTO


lunedì 23 novembre 2020 ore 17:21
AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS
Calano i nuovi positivi e le persone in isolamento domiciliare, inoltre nelle ultime 24 ore solo 9 pazienti covid-19 sono entrati in terapia intensiva. Resta alto, invece, il numero dei decessi. I tamponi effettuati sono stati...

LEGGI TUTTO


sabato 21 novembre 2020 ore 17:32
Speranza sulla vaccinazione. Calano i ricoveri in terapia intensiva
Rallentano i ricoveri in terapia intensiva per covid-19. Nelle ultime 24 ore sono stati dieci i posti occupati in più dai malati covid-19 nei reparti di rianimazione. I positivi di giornata ammontano a 34.767 su 237.225 tamponi effettuati...

LEGGI TUTTO


martedì 17 novembre 2020 ore 17:18
Ancora polemiche sul colore delle regioni mentre i decessi salgono a 731
Il nuovo bollettino riporta un numero di nuovi positivi pari a 32.191 a fronte di 208.458 tamponi effettuati. I ricoveri in terapia intensiva sono aumentati di 120 unità, mentre quelli nei reparti ordinari sono 538 in più. Dopo alcuni giorni in cui il tasso di positività...

LEGGI TUTTO


giovedì 12 novembre 2020 ore 17:25
AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS
Il bollettino rilasciato dal Ministero della Salute di oggi riporta che il numero dei guariti in Italia è salito a 387.758 (+15.645 rispetto alla giornata di ieri), mentre il numero dei decessi ha raggiunto le 43.589 unità (+636 rispetto all’ultima rilevazione)...

LEGGI TUTTO



Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies.